31 luglio 2022

POLPETTE DI MELANZANE

Non so come mai ma sono sempre diffidente delle ricette a base di melanzane. Sarà forse perchè ho iniziato a mangiarle "da grande" o forse più semplicemente perchè la melanzana non sa di niente se non è cucinata in un modo che le dia sapore... Questo per dire che resto sempre piacevolmente stupita quanto trovo una ricetta a base di melanzane e... che mi piace! Partiamo dalla base: in questa ricetta le melanzane vengono per prima cosa stufate in forno finché sono morbidissime e si possono raccogliere come una purea. Questa sarà la base delle nostre polpette ma.. qui casca l'asino! Eh sì, si parte bene, con una cottura salutare ma poi... il finale sarà comunque la frittura!

Ingredienti
2 melanzane
4 cucchiai di parmigiano
un cucchiaio di aglio e prezzemolo tritati
1 uovo
sale e pepe
pangrattato (circa 250 gr)
olio evo
olio di arachidi

Prendere le melanzane, lavarle e asciugarle bene poi togliere il picciolo. Tagliare le melanzane in due parti per il verso lungo in modo da avere 4 mezze melanzane.
Incidere con la punta di un coltello abbastanza affilato le melanzane facendo una scacchiera senza arrivare alla fine. Praticamente fare 3-4 tagli in obliquo da una parte e poi dall’altra incrociandoli. Mettere le melanzane su una teglia con carta forno ben distanziate e condire con un filo d'olio e sale. Infornare a 200° per un'oretta coperte con alluminio; controllare che siano cotte prima di spegnere il forno.
Con un cucchiaio estrarre la polpa e trasferirla in una ciotola.
Aggiungere il parmigiano, aglio e prezzemolo, l'uovo, un pizzico di sale e una macinata di pepe.
A questo punto aggiungere tanto pangrattato quanto ne basta per ottenere un composto sufficientemente compatto da farne polpette.
Passare poi le polpette in un piatto con altro pangrattato e farle rotolare in modo che si coprano in maniera omogenea.
Friggere in abbondante olio di arachidi e servire calde.

27 luglio 2022

CHEESECAKE CANNOLO SICILIANO

Cosa sia questa ricetta non c'è bisogno di dirlo: posso dire di avere trasformato il cannolo siciliano in un cheesecake ma detta così non renderebbe l'idea...
INGREDIENTI (per uno stamp da 26 cm)
in totale ci vorranno circa 350 gr di cialde vuote da cannoli siciliani: io ho acquistato due confezioni da 250 gr ma me ne sono avanzati... 
per la base di cannolo
300 g cialde da cannolo 
100 gr burro
per la crema di ricotta
750 gr ricotta di pecora
200 gr panna fresca liquida
110 gr zucchero finissimo o a velo
200 gr cedro candito
100 gr cioccolato fondente
2 fogli gelatina in fogli
per la decorazione
granella di pistacchi
ciliegie candite
frutta candita
2 cannoli vuoti
Preparare la base di cannolo
Per prima cosa realizziamo la base: come nelle cheesecake, tritiamo  le cialde dei cannoli, come si fa solitamente con i biscotti. Fondere il burro nel forno a microonde e unirlo ai ctriot di cannoli. Mescolare bene e versare sul fondo della tortiera. Comprimere bene la base e mettere in frigorifero.
Preparare la crema di ricotta
Mettere in ammollo in acqua fredda la gelatina e lasciamola ammorbidire.
In una ciotola lavorare la ricotta con lo zucchero, poi aggiungiamo il cioccolato tagliato al coltello e i canditi anch'essi sminuzzati al coltello. Mescolare bene con una spatola.
Togliere 3/4 cucchiaiate dell'impasto e riporle in frigo: servirà per riempire i cannoli per la decorazione finale.
Tenere da parte due cucchiai di panna dal totale e metterla in un pentolino. 
Montare il reso della panna ben ferma e unirla alla crema di ricotta.
Infine scaldare delicatamente la panna nel pentolino e unirvi la gelatina ammollata e ben strizzata. Unirla al composto di ricotta e panna e amalgamare finché il tutto sarà omogeneo.
Trasferire la farcitura sulla base del dolce livellandola bene con l'aiuto di una spatola. Riporre in frigorifero per almeno 6 ore: la crema dovrà risultare ben ferma ma non dura, quindi non è opportuno Metterla in freezer.
Decorazione finale
La decorazione finale andrà fatta poco prima di servire e in ogni caso secondo il proprio gusto personale.
Io ho messo sulla superfice un paio di cannoli farciti con la crema di ricotta messa da parte, un giro di granella di pistacchi e frutta candita.

Su altre ricette ho visto anche la superficie ricoperta di cannolo tritato e scaglie di cioccolato, sinceramente lo trovo meno scenografico. Di seguito riporto le foto di una mia versione precedente di decorazione, che senza dubbio mi piace di meno...

23 luglio 2022

CILIEGINI SECCHI SOTT'OLIO

Questo è uno dei "cavalli di battaglia" della mia amica Barbara: un antipastino stuzzicante, velocissimo da realizzare ma che lascia tutti stupiti per il suo sapore...
Premetto anche che a me i pomodori secchi non piacciono: intendo quelli tipo "perini" che sono un po' gommosi quando li compriamo in barattolo. Questi invece sono piccoli come i ciliegini e poi fatti in casa è tutto un altro sapore!
Ingredienti
una confezione da 250 gr pomodorini ciliegini secchi, tipo Pachino o similari
un cucchiaio di capperi sott'aceto
5-6 acciughe sott'olio
2 spicchi d'aglio
1 cucchiaio olive taggiasche denocciolate
2 cucchiai aceto di vino bianco
sale
olio extravergine di oliva

Mettere sul fornello un pentolino d'acqua e scaldare fino al bollore. Quando bolle, unire l'aceto e una presa di sale, poi unirvi i pomodorini secchi e lasciare bollire per 5-7 minuti.
Scolare in un colapasta in modo da fare uscire bene tutta l'acqua.
Mettere in una zuppiera e unire gli spicchi 'aglio tagliati a fette grosse, le acciughe spezzettate, i capperi e le olive.
Condire con abbondante olio; non servirà il sale perchè i pomodorini avranno cotto in acqua salata e le acciughe daranno ulteriore sapore.

17 luglio 2022

LIQUORE AI SEMI DI MORE

Questa estate abbiamo scoperto un lento sconfinamento nella nostra proprietà da parte dei vicini o meglio: delle loro more! Zitte zitte, piano piano, le more hanno raggiunto il culmine del muro che divide in nostri giardini e se ne sono scese con i loro favolosi frutti. In sole due raccolte abbiamo ottenuto oltre 1,6 kg di frutti belli maturi! La prima volta ero sola in casa ed ho preparo la marmellata come al solito: solo frutta e metà del suo peso in zucchero. Poi con l'aiuto di un colino ho filtrato ed eliminato tutti  semi. La seconda volta, invece, era presente mio marito, il quale ha cominciato ad eccepire sia sulla fatica di filtrare la marmellata con il colino... troppo faticoso, e poi sul fatto che si sprecava troppa "roba buona". Ora: i semi delle more "roba buona" non sono, e soprattutto non mi piace trovarli nella marmellata. Ma aveva ragione lui: non erano da buttare. Con un guizzo di ingegno ho pensato che avrei potuto metterli a macerare nell'alcool e farne un liquore. Giuro: un'idea mia! ma poi ho visto che non sono l'unica, e anzi, in rete si trovano ricette deliziose. Ecco qua la mia versione che davvero stiamo centellinando per non finirlo!

Ingredienti
1 kg di more di rovo passate al setaccio fine: si otterranno circa 350 gr di semi
500 ml alcool puro 95-100°
250 gr zucchero
200 ml acqua

In un barattolo di vetro mettere gli scarti delle more, poi aggiungere l’alcool e chiudere bene.
Tenere da parte al riparo dalla luce e in luogo non troppo caldo per 30 giorni.
Gli scarti delle more all’interno del barattolo tenderanno a diventare una massa compatta, non c'è da preoccuparsi.
Trascorsi i 30 giorni, mettere in un pentolino lo zucchero e l’acqua e lasciare sciogliere a fuoco medio per qualche minuto, poi far raffreddare completamente.
Filtrare con un passino il liquore, poi aggiungere lo sciroppo ben raffreddato; mescolare bene e mettere in una bottiglia.
E' buono da subito.

22 febbraio 2022

CIAMBELLA AL LIMONE

Questa ricetta è la metà di quella di un ciambellone... in che senso?? Ho comprato da Ikea un nuovo stampo a ciambella che mi fa impazzire... Si chiama TÅRTBAK e vuole essere il "fratello povero" degli stampi della Nordic Ware perchè ne copia il colore, ma, a dire il vero, in qualche modo anche la consistenza. E' davvero di ottima qualità, piuttosto pesante, antiaderente e di una bella forma, ma la cosa che mi ha convinto su tutto è la dimensione. Si tratta infatti di uno stampo piuttosto piccolo. solo 22 cm di diametro e 7 cm di altezza e per me questo significa avere una ciambella da finire in giornata, senza avanzi che stanno lì sotto la cupola per un paio di giorni...
Sono quindi partita da una ricetta da ciambellone normale e ne ho dimezzato le quantità: diciamo che in linea generale vanno bene le ricette con 4 uova e 300 gr di farina, per dimezzare bene le quantità e farne 2 uova / 150 gr di farina.
Ecco quindi una semplicissima ciambella nella versione al limone.
Ingredienti (per uno stampo da 22 cm)
2 uova
75 g di zucchero
50 g di latte
75 g di olio di semi
1 limone
150 g di farina
1 cucchiaino bicarbonato

In una ciotola sbattere bene con le fruste le uova intere con lo zucchero.
In una tazza unire il latte, l'olio, il succo del limone (non filtrato, sarà buono anche qualche pezzettino di polpa...) e la buccia grattugiata. Mescolare bene e unire al composto di uova.
Aggiungere poi la farina setacciata con il lievito.
Versare nello stampo imburrato (o spennellato d'olio) e infarinato.
Cuocere a 180° per 30 minuti.
Lasciare raffreddare prima di servire
Questo il link dello stampo: https://www.ikea.com/it/it/p/tartbak-stampo-da-forno-a-forma-di-fiore-rivestimento-antiaderente-00485672/

1 febbraio 2022

CIAMBELLONE ALL'ARANCIA E CARDAMOMO - Orange-Cardamom Bundt Cake

Ancora una volta mi affido a lei, la Martha dei nostri sogni...
Mia sorella, santa donna, mi ha regalato per Natale uno stampo da "bundt cake" davvero bello e chic della Nordic Ware e appeno ho potuto ho cercato una buona ricettina per usarlo, complice anche il fatto di aver acquistato una bella partita di arance siciliane, direttamente dalla azienda Arancia Sicula.
E insomma due più due fa quattro ecco il calcolo: nuovo stampo americano + arancia siciliana + Martha Stewart = cosa può essere il risultato? Un bel dolce col buco!
Ma a proposito: lo sapete cosa è un "bundt"? E' uno stampo simile a quello del Kugelhupf austrico o tedesco, con cui vengono dolci simili a un ciambellone.
Ma se volete tutta la sua storia, l'ho trovata proprio qua 👉 La vera storia (e la vera ricetta) del bundt.
La ricetta originale di Martha Stewart è sul suo sito: 👉 qua
Ma mi sono permessa di alleggerirla perchè tutto quel burro proprio non se po' vede'...
Ingredienti
100 gr burro, a temperatura ambiente, più altro per lo stampo
420 gr farina 00
150 ml latte
100 gr olio di semi
2 arance
1 bustina lievito in polvere
1 pizzico di sale
2 cucchiaini da caffè cardamomo in polvere
300 gr zucchero
3 uova
Accendere il forno a 180°.
Spennellare lo stampo con il burro e spolverare di farina, battendo l'eccesso.
In una piccola ciotola mescolare insieme 100 ml di latte e il succo delle due arance.
In un'altra ciotola, setacciare insieme la farina, il lievito, il sale e il cardamomo per amalgamarli bene.
Nel mixer sbattere il burro con lo zucchero, poi unire l'olio, i rimanenti 50 ml di latte e la scorza d'arancia a velocità medio-alta fino a ottenere un colore chiaro e spumoso, da 2 a 3 minuti. Unire le uova, una alla volta.
Ridurre la velocità e unire la miscela di farina, alternando con la miscela di latte.
Trasferire il composto nello stampo e lisciare la superficie con una spatola.
Cuocere fino a quando la torta non sarà leggermente gonfia per circa 45 minuti, facendo la prova stecchino prima di sfornare.
Lasciar raffreddare in teglia su una griglia per 15 minuti  e poi rovesciare su un piatto da portata.
Servire accompagnando con marmellata di arance o crema al pistacchio.
Per il dettaglio del mio meraviglioso stampo:
STAMPO CROWN BUNDT Ø26,4CM H10,4CM NW91777 NORDIC WARE
https://www.nordicware.com/products/crown-bundt-pan/

18 gennaio 2022

BACCALA' IN DOLCEFORTE

Questa ricetta dice che sia diffusa un po’ in tutta la Toscana e il "dolceforte" non è altro che l' "agrodolce". Che sia effettivamente di origine toscane non lo so perchè a me ricorda tantissimo alcuni piatti della cucina siciliana, ma va bene lo stesso...
Per prima cosa parliamo della scelta del baccalà: ovviamente andrà bene quello già "ammollato", ma ancor più buono sarà quello sotto sale che andremo ad ammollare da soli... sarà male di metterlo a mollo almeno un paio di giorni prima, avendo cura di cambiare l'acqua tutte le volte che ci è possibile. Il vantaggio è doppio: dal punto di vista igienico sappiamo con che acqua si lava e dal punto di vista economico si ha pure un bel risparmio, considerato che acquistandolo bagnato, il 40% di quello che si paga e porta a casa è acqua!
Ingredienti
2 filetti di baccalà sotto sale o ammollato
farina
olio di semi di arachide (per friggere)
olio evo
1 spicchio d'aglio
300 gr passata di pomodoro
1/2 bicchiere di aceto di vino bianco o di mele
2 cucchiai rasi di zucchero
2 cucchiai di pinoli
2 cucchiai di uvetta

Per prima cosa si prepara il baccalà, che andrà fritto in una padella a sé stante, in modo da non eccedere con l'olio.
Tagliare il baccalà in tocchi, lasciando la pelle, e asciugarlo bene; controllare la presenza di eventuali spine. Infarinare leggermente il pesce.
Scegliere una padella ben larga che contenga i pezzi comodamente in un solo strato.
Scaldare abbondante olio di semi (in modo che il baccalà alla fine sia asciutto e non unto come spesso avviene con quello di oliva) e cuocere il baccalà da entrambe le parti, friggendo per prima la parte interna del pesce, lasciando quindi la pelle al di sopra, e girandolo a metà cottura con l'aiuto di un paio di pinze da cucina o una paletta, in modo cioè che non si rompa.
Cuocere circa 7-8 minuti per parte, finché il pesce avrà assunto un bel colore beige.
Quando sarà cotto al punto giusto, scolare i pezzi con una spatola da fritti e appoggiarli sopra alcuni fogli di carta da cucina, lasciando la pelle di sotto. Toccare delicatamente con carta da cucina anche il sopra dei pezzi per asciugarli al meglio.
In una padella larga come quella in cui si è fritto il pesce, scaldare un giro d'olio d'oliva con uno spicchio d'aglio in camicia. Unire la passata di pomodoro, aggiustare di sale e pepe e mescolare, poi cuocere circa 5 minuti.
Piazzare i pezzi di baccalà fritto con la pelle di sotto nella padella con il pomodoro e  cuocere ancora circa 10 minuti., scuotendo la padella per fare amalgamare e distribuire il sugo tra i vari pezzi di pesce, senza però mai girarlo, né usare il mestolo.
Nel frattempo mettere in un pentolino l'aceto, i pinoli, l'uvetta e lo zucchero. Scaldare per qualche minuti finché l'aceto sarà bollente ed un poco ristretto.
Riaccendete il fuoco sotto la padella con il baccalà al sugo e versarvi l’agrodolce. Fare insaporire a fiamma vivace, scuotendo via via la padella e finché sarà evaporata tutta la parte alcoolica dell'aceto.
Servire subito ben caldo.

6 dicembre 2021

POLENTA E RENGA

"Polenta e renga" detta anche "scopeton" è un piatto povero tipico della tradizione veneta: niente di complicato: solo polenta grigliata con sopra una copertura a base di aringa affumicata. Il sapore è assai forte e si sposa assai bene con una serata invernale. Per questa ricetta è ideale preparare la polenta con anticipo, in modo che diventi abbastanza compatta da essere tagliata a fette.  Anche le aringhe dovrebbero essere lasciate in mantecatura a riposare per almeno un giorno, quindi è bene realizzare tutto il giorno prima, così da poter gustare questo piatto al meglio!

Ingredienti
250 gr farina di mais
750 ml acqua
sale
4 filetti di aringa affumicata dissalata
aglio
prezzemolo

Per prima cosa fare la polenta.
Fare bollire l’acqua con un po’ di sale e una volta arrivata a ebollizione versare a pioggia la farina di mais, continuando a girare per portare a cottura la polenta.
Quando questa sarà pronta (il tempo di cottura dipende dal tipo di polenta) comincerà ad attaccarsi ai bordi: a questo punto capovolgerla in un contenitore a forma squadrata e lasciarla raffreddare completamente e rassodare.
Frullare nel mixer le aringhe con un filo d'olio, mezzo spicchio d'aglio e prezzemolo e lasciarle insaporire per almeno un giorno intero.
Il giorno dopo tagliare la polenta a fette alte un centimetro, arrostirle e adagiarvi sopra la crema di aringhe. 

5 dicembre 2021

PANETTONE GASTRONOMICO

Di difficile in questa ricetta non c'è niente soprattutto perchè il panettone lo si compra bell'e fatto.... Ma mi premeva fare un post per ricordarmi la farcitura, come un promemoria per i prossimi Natali....
Ecco qua la composizione finale e di seguito le varie farciture:
Strato 1
Gamberetti, rucola e salsa cocktail
Strato 2
Tonno, maionese e rucola

Strato 3
Uova sode, prosciutto cotto e maionese
Strato 4
Salmone e Philadelphia
Ed infine ecco il riepilogo!!
Ma googlando ho trovato anche una serie di ottimi spunti che riporto di seguito senza però avere provato....
  • Prosciutto crudo, stracchino e rucola
  • Gorgonzola, robiola con mascarpone e noci
  • Philadelphia e salame Milano
  • Bresaola, rucola e scaglie di parmigiano
  • Mortadella e pesto di pistacchi

4 dicembre 2021

TORTA ALBERO DI NATALE

Anche in questo caso la torta è assai semplice: la ricetta è quella della Torta Californiana, questa volta però cotta in uno stampo di silicone a forma di albero di Natale🎄, anziché nella famosa "tortiera furba". La ricetta è 👉qua.
Per la copertura ho scelto i kiwi e le ciliegie candite 🍒mi sono aiutata con mango disidratato e cocco per la stella cometa. E non dimenticate le palline di zucchero argentate! 🎄BUONE FESTE A TUTTI!! 🎅







 

3 dicembre 2021

PREPARATO PER CIOCCOLATA CALDA (REGALO IN BARATTOLO)

Ecco che con l'avvicinarsi del natale torna la necessità di piccoli regalini da scambiare con quelle persone con cui abbiamo un contatto frequente ma con cui non intendiamo farci regali "impegnativi". I colleghi di ufficio? Quella vicina di casa tanto gentile che ogni tanto ci ritira i pacchi di Amazon? La dottoressa che ci ha fatto una visita a domicilio? Seve quindi un'idea a basso costo, ma che esprima i pensiero di un caro augurio, il tutto meglio se fatto con le nostre mani.
Una bella soluzione è questo "Preparato per cioccolata calda": l'aspetto sarà quello di polveri di diverso colore disposte a strati all'interno di un barattolo, e la "chicca" sarà l'ultimo strato composta da marshmallows colorati. In particolare io ho scelto di utilizzare vasetti da vasocottura (marca Weck) perchè mi sono approcciata a questa tecnica di preparazione e vorrei condividerlo con le mie amiche...
Ecco qua gli ingredienti:
cacao amaro
zucchero semolato
zucchero di canna
fecola di patate
gocce di cioccolato
marshmallows

Non indicherò le dosi perchè sono legate alla dimensione del vasetto: si dovranno fare strati dello stesso spessore per dare un bell'aspetto visivo....
L'importante sarà fare lo cose con calma, perchè il vasetto dovrà rimanere ben pulito dalle polveri. Se necessario, pulire con un fazzolettino di carta l'eventuale polvere che dovesse restare sui bordi del barattolo.
Per prima cosa scegliere dei bei barattolini non troppo larghi. Lavarli ed asciugarli alla perfezione.
Iniziare prima con una base di cacao amaro e poi procedere con gli altri strati nell'ordine elencato quindi :
cacao - zucchero bianco - zucchero di canna - fecola -gocce di cioccolato.
Compattare bene ogni strato, aiutandosi se necessario con un cucchiaino per ottenere una superficie piana.
Finire con i marshmallows, che avrete scelto in formato piccolino.
Chiudere i vasetti e decorarlo con nastrino o adesivi.
L'importante è attaccare un bigliettino con scritto il metodo di preparazione.
Io scriverei così: "Mettere in un pentolino un paio di cucchiai di preparato per cioccolata calda e 200 ml latte. Mescolare e cuocere a fiamma moderata fino a che non si sarà addensata. Decorare con i mashmellows."
Lascio anche l'etichetta da scaricare e stampare, presa dal sito di Misya:
https://www.misya.info/ricetta/preparato-per-cioccolata-calda.htm



2 dicembre 2021

CHOCOLATE ZUCCHINI BUNDT CAKE

Cercavi una ricetta golosa al cioccolato o meglio al cacao ma anche morbida e gustosa? Eccola qua e il segreto sono proprio le zucchine, che di fatto non hanno sapore ma lasciano la torta leggermente umida per essere gustata con il massimo del gusto. La ricetta è una creazione di Zoë François del sito www.zoebakes.com
https://zoebakes.com/2018/08/18/chocolate-zucchini-cake/
Ingredienti
50 g cacao amaro in polvere, più una quantità per spolverare la teglia
270 g farina
1 cucchiaino bicarbonato di sodio
1 cucchiaino sale
110 g burro a temperatura ambiente
200 g zucchero di canna
150 g zucchero semolato
120 ml olio di semi
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
2 uova a temperatura ambiente
120 g di yogurt greco
315 g di zucchine grattugiate finemente
115 g di cioccolato fondente, sciolto e raffreddato a temperatura ambiente

Preriscaldare il forno a 170 gradi.
Ungere una teglia da ciambella e spolverarla con cacao in polvere.
Setacciare insieme la farina, il bicarbonato, il sale e 50 g di cacao in polvere. Setacciare per eliminare eventuali grumi.
In una planetaria mantecare il burro a velocità medio-alta fino a renderlo cremoso e liscio, circa 1 minuto.
Abbassare la velocità del mixer, aggiungere entrambi gli zuccheri al burro e mescolare fino a incorporarli. Unire l'olio e la vaniglia, portare la velocità a una velocità medio-alta e sbattere fino a quando non sarà molto leggera e spumosa, circa 5 minuti.
Regolare la velocità a una velocità medio-bassa e aggiungere le uova, una alla volta, avendo cura di aggiungere l'uovo successivo solo quando il precedente sarà ben amalgamato. 
Aggiungere un terzo della miscela di farina al composto di burro, mescolando a bassa velocità, solo fino a quando non è ben amalgamato. Aggiungere metà dello yogurt, mescolando fino a incorporarlo. Ripetere con un altro terzo di farina, poi lo yogurt rimanente e finire con l'ultimo terzo di farina, raschiando la ciotola e la spatola dopo ogni aggiunta.
Togliere la ciotola dal mixer e incorporare le zucchine fino a quando non saranno uniformemente amalgamate. Quindi aggiungere il cioccolato fuso e mescolare fino a quando amalgamato.

Versare l'impasto nella teglia preparata. Picchiettare delicatamente più volte la teglia sul bancone per assicurarsi che la pastella si sia completamente depositata negli angoli.
Cuocere circa 1 ora, ma non oltre, verificando la cottura con uno stuzzicadenti.
Lasciare raffreddare la torta nella teglia per 10 minuti, poi giratela su un piatto da portata e spolverate la parte superiore con cacao prima di servire.
Si può guarnire anche con crema al pistacchio.
Lo stampo da "bundt" è della Nordic Ware in edizione speciale per il 75° anniversario dell'azienda.
https://www.nordicware.com/products/75th-anniversary-braided-bundt-set/

30 novembre 2021

TORTA DI MELE ALLA PANNA MONTATA

Vi ritrovate nel frigorifero una confezione di panna fresca che sta per scadere? o addirittura è proprio appena scaduta? Beh, per prima cosa va assaggiata che non abbia alcun sapore di acido, altrimenti l'unica possibilità è il cestino dell'organico.... S invece sarà ancora buona ecco qua una ottima soluzione che, vista la successiva cottura a 180°, mette al sicuro da ogni preoccupazione. La panna, una volta montata, diventerà l'ingrediente segreto di questa ricetta, in cui non si useranno altri grassi: né burro, quindi, né olio, ma risulterà morbidissima e gustosa.
La presenza della panna montata, appunto, aggiungerà aria al composto per dare una torta particolarmente soffice.

Ingredienti (per una tortiera da 22 cm di diametro o a ciambella da 24 cm)
160 g farina 00
45 g fecola di patate (o amido di mais)
2 uova
150 g zucchero
250 g panna fresca da montare
1 bustina lievito in polvere per dolci
1 cucchiaino estratto di vaniglia
1 mela
zucchero di canna
burro e farina per lo stampo

Montare la panna fredda di frigo in una ciotola e metterla da parte.
In un’altra ciotola montare le uova con lo zucchero fino a quando saranno chiare e spumose (devono triplicare di volume), utilizzando le uova a temperatura ambiente.
Setacciare la farina con la fecola e il lievito poi unirli alle uova montate, mescolando con delicatamente dall’alto verso il basso.
A questo punto, con l'aiuto di una spatola, unire la panna montata, incorporando delicatamente per non smontarla.
Imburrare e infarinare lo stampo, versare il composto all’interno, livellarlo e distribuire sulla superficie la mela tagliata a fettine. Spolverizzare la superficie con zucchero di canna.
Cuocere la torta in forno preriscaldato a 180° per 40 minuti circa, ma fare la prova stecchino per verificare la cottura.
Sfornare il dolce e farlo intiepidire prima di sformarlo, perchè è talmente soffice che rischiereste di romperlo.

28 novembre 2021

TORTA FIOCCHI E PUPAZZO DI NEVE

Compleanno d'inverno? Volete un'idea originale?
Ecco qua una bella torta ricoperta di pasta di zucchero con fiocchi di neve ed un bel pupazzo vestito con sciarpa e cappello!
Basterà fare una base tipo Pan di Spagna: la ricetta è  👉qua.
Farcirla a piacere con bagna, crema, frutta, scaglie di cioccolato o quanto più piace.
E coprire con pasta di zucchero: la ricetta è 👉qua.
Per i colori ho scelto com sempre quelli in gel e la copertura in azzurro.
Per i fiocchi di neve ho usato gli stampini a stantuffo della Decora.
La fantasia non deve avere limiti!!


14 novembre 2021

SEMIFREDDO AI MARRONI CON CREMA DI MARRONI

Questa le rivisitazione di una ricetta già presente nel blog ma che ho arricchito con un cuore di crema di marroni.... La base era questa ricetta 👉qua .
Ancora una volta ricorro a castagne già cotte, le "Castagne morbide della Toscana" della Noberasco, meravigliosamente prono uso... Si trovano in confezioni da 150 gr netti, non proprio economiche, ma la comodità, si sa, non ha prezzo...
Ingredienti
450 gr castagne già cotte e pulite
100 ml di latte
150 gr zucchero a velo vanigliato
1 bustina di vaniglina
2 cucchiai rhum
2 uova
500 g panna liquida
un barattolo di crema di marroni di ottima qualità
per la decorazione : frutta candita, marron glaceé sbriciolati o scaglie di cioccolato fondente
Mettere le castagne nel bicchiere del mixer e frullarle grossolanamente con il latte, 30 gr di zucchero a velo, la vaniglina e, volendo, il rhum. E' bene che resti qualche pezzetto di castagna ancora intero.
Sbattere i tuorli con i 120 gr di zucchero a velo. Poi, a parte, montare le chiare a neve.
Montare la panna ben soda. Unire i tuorli alla polpa di castagne, aggiungere la panna montata e da ultimo le chiare, girando delicatamente per non smontare il tutto.
Rivestire con la pellicola uno stampo da plum cake.
Versare metà della crema nello stampo e livellare bene; mettere i freezer un'oretta.
Passato il tempo necessario, con un cucchiaio mettere la crema di marroni, formando una striscia centrale, al di sopra dell'impasto precedentemente versato. Restando al centro, si formerà come un "cuore" centrale.
Versarvi sopra l'impasto rimasto e rimettere in freezer per almeno 3 ore.
Prima di servire, capovolgere il semifreddo su un vassoio da portata e decorare a piacere con fettine di frutta candita, oppure con marron glaceé sbriciolati o ancora con scaglie di cioccolato fondente.
Servire tagliato a fette.

13 novembre 2021

SPÄTZLE ALLA ZUCCA

Questa la ricetta con la zucca ma si può fare anche con gli spinaci (ricetta originale) e con le barbabietole.... Per ora ho sperimentato queste, per il futuro aggiornerò...

Ingredienti per gli Spätzle
300 g zucca (pesata già cotta al vapore, corrispondenti a 
500/600 gr di zucca cruda)
2 uova
320 g farina
1 bicchierino latte
1/2 cucchiaino sale

Preparazione
Eliminare la buccia dalla zucca . Tagliarla a fette, posizionarla su una teglia e metterla a cuocere in forno a 180°per circa 20 minuti o comunque fino a che sarà cotta. In alternativa cuocerla in una vaporiera.
Inserire 300 gr di zucca cotta in un frullatore o mixer e frullare 20 secondi . Aggiungere poi la farina, il sale, le uova e frullare ancora 2 minuti. So dovrà ottenere un composto omogeneo abbastanza denso. Questo dipende dal tipo di zucca utilizzata che può contenere più o meno acqua. Se dovesse risultare troppo liquido o cremoso, aggiungere farina a cucchiaiate e continuare a mescolare. Al contrario se dovesse risultare troppo denso aggiungete un misurino di latte.
In una pentola far bollire abbondante acqua salata.
Appena l’acqua avrà iniziato a bollire, posizionare sopra la pentola la gratella per gli spätzle.
Versarvi sopra l’impasto a mestolate e farlo gocciolare dentro l’acqua. In pochi istanti gli spätzle cuoceranno e riaffioreranno a galla (come gli gnocchi). Con una schiumarola scolarli e versarli man mano dentro una ciotola condendo con burro fuso, o olio, salvia e parmigiano.
Procedere così fino a cottura di tutti gli spätzle e mescolare.
Servire caldi.


Ricetta presa da qua:
https://blog.giallozafferano.it/biscoccoleedintorni/spatzle-alla-zucca-ricetta-con-e-senza-bimby/

1 novembre 2021

GALETTE DI CASTAGNE CON PANCETTA E PATATE

Come sempre partiamo dalle basi. Cosa è un a "galette"? Una galette è un prodotto da forno francese con farcitura sia salata che dolce. In generale, le galette sono arrotondate e piatte e indicativamente si tratta di un impasto croccante, semplicissimo da fare, soprattuto se si usa l'olio al posto del burro. Dicimao che si tratta di una pasta tipo brisèe ripiena di qualsiasi cosa ci venga in mente, ma composta un po' come un pacchetto, piuttosto che come una bella torta precisa.... 
E' ben vero che il termine “galette” è usato in alcune parti della Francia per riferirsi in particolare alle crêpes fatte con grano saraceno: la famosa "galette bretonne", ripiena di formaggio, prosciutto e anche magari di un uovo al tegamino.
Ma la galette di cui parliamo oggi è un'altra roba: sicouramnete poco lavorata, aperta sopra e comunque... troppo grande per essere mangiata da una sola persona ed è progettata per essere tagliata prima di essere servita.
Ma partiamo dall'impasto: farina, olio e acqua. E qui oggi arriva la sorpresa: la farina sarà di castagne e l'acqua sarà sostituita con il vino: forte eh?? La ricetta è presa dal blog "Lo zenzero candito" a cui faccio i miei complimenti per l'originalità della ricetta.
Ingredienti
100 gr farina di castagne
200 gr farina 0
80 gr olio
100 gr vino bianco (oppure acqua)
sale aromatizzato con salvia  e rosmarino (il mio mix per arrosti homemade)
100 gr pancetta dolce a cubetti
50 gr Asiago o formaggio latteria
1 patata media
In una ciotola riunione gli ingredienti per l'impasto: le due farine, l’olio, il vino e il sale. Impastare a mano perchè è talmente facile che non vale la pena sporcare l'impastatrice...
Formare una palla e mettere in frigo giusto il tempo di prepare gli ingredienti per il ripieno.
Sbucciare la patata e tagliarla a fettine finissime con la mandolina, poi tagliare a cubettini il formaggio.
Riprendere l'impasto dal frigo e stenderlo su un foglio di carta forno di uno spessore di circa 2-3 mm con il matterello, dando una forma circolare.  Coprire la pasta con le fettine di patate in un solo strato, lasciando un paio di centimetri liberi sui bordi. Cospergere con la pancetta e il formaggio. Ripiegare l’impasto sui bordi giusto il paio di centimetri lasciati liberi. Il risultato non sarà preciso ma volutamente imperfetto...
Infornare a 180° per 40 minuti, lasciare intiepidire prima di servire.

24 ottobre 2021

PASTA AL RAGU' DI BROCCOLI

Non è uno sbaglio: è proprio un ragù di carne con un'aggiunta di broccoli. Potrebbe anche sembrare un piatto unico perchè il sugo deve essere abbondante ed avvolgere bene la pasta.
Per la pasta sarà bene scegliere una pasta corta e consistenze come la calamarata o le mezze maniche: sconsigliati gli spaghetti.

Ingredienti x 4
360 g pasta
300 g cime di broccoli
100 g macinato di vitello o di maiale
100 g salsiccia
2 spicchi di aglio
1 peperoncino
parmigiano grattugiato
olio evo
sale
pepe

Tagliare il broccolo a cimette eliminando il torsolo e cuocerle in abbondante acqua salata per circa 6-7 minuti: dovranno essere al dente.
Nel frattempo rosolare in una padella l’aglio in camicia e schiacciato con l’olio e il peperoncino, aggiungere la salsiccia sbriciolata e il macinato di carne. Cuocere qualche minuto.
Aggiungere i broccoli e un goccio di acqua di cottura e continuare a cuocere finché i broccoli non iniziano a disfarsi. Nell’acqua dei broccoli cuocere la pasta, quando cotta al dente aggiungerla al sugo, mescolare bene per amalgamante tutti gli ingredienti e aggiusta la consistenza del sugo aggiungendo un poco di acqua di cottura o facendola asciugare se in eccesso. Togliere dal fuoco, aggiungere abbondante parmigiano e mescolare bene, servire con pepe macinato.

Ricetta presa da https://gnambox.com/ricette/ingredienti/verdure/pasta-al-ragu-di-broccoli/

23 ottobre 2021

COBBLER ALLA ZUCCA E FUNGHI

Nuova parolina fresca fresca di conoscenza.. Cosa è il "cobbler"? E' un dolce tradizionale del Regno Unito e degli Stati Uniti simile al crumble a base di pasta frolla sbriciolata e frutta. E che c'entra con zucca e funghi? Semplice: in questa versione si tratta di una frolla salata che alla fine darà un risultato come una crostata rovesciata...
Ingredienti (per una pirofila 30x20)
Per i crumble
200 g farina
100 g mandorle non pelate
60 g fiocchi di avena
2 cucchiaini di lievito istantaneo per preparazioni salate
prezzemolo o timo fresco
sale
pepe
100 g parmigiano grattugiato
200 ml latte
75 g burro morbido
Per la base di verdure
600 g zucca pulita
400 g funghi misti
1 cipolla
2 spicchi di aglio
olio evo
sale
Frullare le mandorle fino ad ottenere una farina.
Mescolare le due farine, i fiocchi di avena, il lievito, il sale, il pepe e il prezzemolo (o il timo fresco) tritato in una ciotola.
In un’altra ciotola sbattere le uova, poi unire con una frusta il burro fuso, il latte e, per ultimo, il formaggio grattugiato.
Unire i due composti mescolando con una forchetta e lasciare riposare.
Riscaldare il forno a 190°C. 
In una padella ampia rosolare l’aglio in camicia e la cipolla a fette sottile, con un filo d'olio, aggiungere la zucca tagliata a cubetti piccoli e i funghi affettati. Mescolare bene, salare e coprire; cuocere finché la zucca inizia a sfarsi.
Versare le verdure in una pirofila, senza averla precedentemente unta.
Con l'aiuto di due cucchiai, formare delle quenelle e coprire tutta la superficie.
Infornare e cuocere finché il biscotto sarà dorato e l’interno asciutto, circa 45 minuti.
Fare raffreddare qualche minuto prima di servire.

21 ottobre 2021

PETTO D'ANATRA AI FICHI CARAMELLATI

Che io abbia un debole per il petto d'anatra è cosa nota, ma questa volta ho davvero trovato un ottimo metodo per cuocere il petto d'anatra.
La farcitura con i fichi caramellati è delizioso, ma questa ricetta si presta comunque a qualunque preparazione che preveda la cottura del petto d'anatra.
Diciamo cioè che questo è il metodo base, cosa ci si mette sopra potrà essere variabile....
Ingredienti
2 petti d'anatra
12-13 fichi freschi (o in alternativa 100 gr di fichi secchi)
60 gr di burro
3 cucchiaino miele
vino bianco secco
due cucchiai di rum
sale aromatizzato con salvia e rosmarino 
(20 grammi di zucchero, solo nel caso si utilizzino i fichi secchi)
olio extravergine di oliva

Sciogliere 30 gr di burro in una padella antiaderente, adagiarvi i petti d’anatra dal lato della pelle e fate rosolare per 7 minuti.
Nel frattempo scaldare il forno a 180°.
Una volta rosolati, adagiare i petti d'anatra in una pirofila, coprire con un foglio di alluminio e infornate in forno già caldo per 25 minuti.
Tenere da parte 2-3 fichi per la decorazione finale.
Intanto fare cuocere in padella i fichi freschi lavati e tagliati a metà con il miele e il burro avanzato. Fate cuocere a fiamma media per 5 minuti, sfumare con il vino bianco, lasciare evaporare l’alcol e proseguire la cottura per altri 5 minuti o finché il sugo sarà come un caramello.
In alternativa, tagliare i fichi secchi in listarelle e saltarli in padella con dieci grammi di burro per alcuni minuti e aggiungere lo zucchero.
Togliere l'anatra dal forno, rimetterla in una padella senza alcun condimento e sfumare con il rum; tagliare i petti a fette alte un dito, adagiarle su di un piatto da portata, aggiustare di sale aromatizzato, aggiungere i fichi con il loro liquido di cottura e servite immediatamente.
Decorare con fichi freschi tagliati a metà.

Crea PDF