6 dicembre 2021

POLENTA E RENGA

"Polenta e renga" detta anche "scopeton" è un piatto povero tipico della tradizione veneta: niente di complicato: solo polenta grigliata con sopra una copertura a base di aringa affumicata. Il sapore è assai forte e si sposa assai bene con una serata invernale. Per questa ricetta è ideale preparare la polenta con anticipo, in modo che diventi abbastanza compatta da essere tagliata a fette.  Anche le aringhe dovrebbero essere lasciate in mantecatura a riposare per almeno un giorno, quindi è bene realizzare tutto il giorno prima, così da poter gustare questo piatto al meglio!

Ingredienti
250 gr farina di mais
750 ml acqua
sale
4 filetti di aringa affumicata dissalata
aglio
prezzemolo

Per prima cosa fare la polenta.
Fare bollire l’acqua con un po’ di sale e una volta arrivata a ebollizione versare a pioggia la farina di mais, continuando a girare per portare a cottura la polenta.
Quando questa sarà pronta (il tempo di cottura dipende dal tipo di polenta) comincerà ad attaccarsi ai bordi: a questo punto capovolgerla in un contenitore a forma squadrata e lasciarla raffreddare completamente e rassodare.
Frullare nel mixer le aringhe con un filo d'olio, mezzo spicchio d'aglio e prezzemolo e lasciarle insaporire per almeno un giorno intero.
Il giorno dopo tagliare la polenta a fette alte un centimetro, arrostirle e adagiarvi sopra la crema di aringhe. 

5 dicembre 2021

PANETTONE GASTRONOMICO

Di difficile in questa ricetta non c'è niente soprattutto perchè il panettone lo si compra bell'e fatto.... Ma mi premeva fare un post per ricordarmi la farcitura, come un promemoria per i prossimi Natali....
Ecco qua la composizione finale e di seguito le varie farciture:
Strato 1
Gamberetti, rucola e salsa cocktail
Strato 2
Tonno, maionese e rucola

Strato 3
Uova sode, prosciutto cotto e maionese
Strato 4
Salmone e Philadelphia
Ed infine ecco il riepilogo!!
Ma googlando ho trovato anche una serie di ottimi spunti che riporto di seguito senza però avere provato....
  • Prosciutto crudo, stracchino e rucola
  • Gorgonzola, robiola con mascarpone e noci
  • Philadelphia e salame Milano
  • Bresaola, rucola e scaglie di parmigiano
  • Mortadella e pesto di pistacchi

4 dicembre 2021

TORTA ALBERO DI NATALE

Anche in questo caso la torta è assai semplice: la ricetta è quella della Torta Californiana, questa volta però cotta in uno stampo di silicone a forma di albero di Natale🎄, anziché nella famosa "tortiera furba". La ricetta è 👉qua.
Per la copertura ho scelto i kiwi e le ciliegie candite 🍒mi sono aiutata con mango disidratato e cocco per la stella cometa. E non dimenticate le palline di zucchero argentate! 🎄BUONE FESTE A TUTTI!! 🎅







 

3 dicembre 2021

PREPARATO PER CIOCCOLATA CALDA (REGALO IN BARATTOLO)

Ecco che con l'avvicinarsi del natale torna la necessità di piccoli regalini da scambiare con quelle persone con cui abbiamo un contatto frequente ma con cui non intendiamo farci regali "impegnativi". I colleghi di ufficio? Quella vicina di casa tanto gentile che ogni tanto ci ritira i pacchi di Amazon? La dottoressa che ci ha fatto una visita a domicilio? Seve quindi un'idea a basso costo, ma che esprima i pensiero di un caro augurio, il tutto meglio se fatto con le nostre mani.
Una bella soluzione è questo "Preparato per cioccolata calda": l'aspetto sarà quello di polveri di diverso colore disposte a strati all'interno di un barattolo, e la "chicca" sarà l'ultimo strato composta da marshmallows colorati. In particolare io ho scelto di utilizzare vasetti da vasocottura (marca Weck) perchè mi sono approcciata a questa tecnica di preparazione e vorrei condividerlo con le mie amiche...
Ecco qua gli ingredienti:
cacao amaro
zucchero semolato
zucchero di canna
fecola di patate
gocce di cioccolato
marshmallows

Non indicherò le dosi perchè sono legate alla dimensione del vasetto: si dovranno fare strati dello stesso spessore per dare un bell'aspetto visivo....
L'importante sarà fare lo cose con calma, perchè il vasetto dovrà rimanere ben pulito dalle polveri. Se necessario, pulire con un fazzolettino di carta l'eventuale polvere che dovesse restare sui bordi del barattolo.
Per prima cosa scegliere dei bei barattolini non troppo larghi. Lavarli ed asciugarli alla perfezione.
Iniziare prima con una base di cacao amaro e poi procedere con gli altri strati nell'ordine elencato quindi :
cacao - zucchero bianco - zucchero di canna - fecola -gocce di cioccolato.
Compattare bene ogni strato, aiutandosi se necessario con un cucchiaino per ottenere una superficie piana.
Finire con i marshmallows, che avrete scelto in formato piccolino.
Chiudere i vasetti e decorarlo con nastrino o adesivi.
L'importante è attaccare un bigliettino con scritto il metodo di preparazione.
Io scriverei così: "Mettere in un pentolino un paio di cucchiai di preparato per cioccolata calda e 200 ml latte. Mescolare e cuocere a fiamma moderata fino a che non si sarà addensata. Decorare con i mashmellows."
Lascio anche l'etichetta da scaricare e stampare, presa dal sito di Misya:
https://www.misya.info/ricetta/preparato-per-cioccolata-calda.htm



2 dicembre 2021

CHOCOLATE ZUCCHINI BUNDT CAKE

Cercavi una ricetta golosa al cioccolato o meglio al cacao ma anche morbida e gustosa? Eccola qua e il segreto sono proprio le zucchine, che di fatto non hanno sapore ma lasciano la torta leggermente umida per essere gustata con il massimo del gusto. La ricetta è una creazione di Zoë François del sito www.zoebakes.com
https://zoebakes.com/2018/08/18/chocolate-zucchini-cake/
Ingredienti
50 g cacao amaro in polvere, più una quantità per spolverare la teglia
270 g farina
1 cucchiaino bicarbonato di sodio
1 cucchiaino sale
110 g burro a temperatura ambiente
200 g zucchero di canna
150 g zucchero semolato
120 ml olio di semi
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
2 uova a temperatura ambiente
120 g di yogurt greco
315 g di zucchine grattugiate finemente
115 g di cioccolato fondente, sciolto e raffreddato a temperatura ambiente

Preriscaldare il forno a 170 gradi.
Ungere una teglia da ciambella e spolverarla con cacao in polvere.
Setacciare insieme la farina, il bicarbonato, il sale e 50 g di cacao in polvere. Setacciare per eliminare eventuali grumi.
In una planetaria mantecare il burro a velocità medio-alta fino a renderlo cremoso e liscio, circa 1 minuto.
Abbassare la velocità del mixer, aggiungere entrambi gli zuccheri al burro e mescolare fino a incorporarli. Unire l'olio e la vaniglia, portare la velocità a una velocità medio-alta e sbattere fino a quando non sarà molto leggera e spumosa, circa 5 minuti.
Regolare la velocità a una velocità medio-bassa e aggiungere le uova, una alla volta, avendo cura di aggiungere l'uovo successivo solo quando il precedente sarà ben amalgamato. 
Aggiungere un terzo della miscela di farina al composto di burro, mescolando a bassa velocità, solo fino a quando non è ben amalgamato. Aggiungere metà dello yogurt, mescolando fino a incorporarlo. Ripetere con un altro terzo di farina, poi lo yogurt rimanente e finire con l'ultimo terzo di farina, raschiando la ciotola e la spatola dopo ogni aggiunta.
Togliere la ciotola dal mixer e incorporare le zucchine fino a quando non saranno uniformemente amalgamate. Quindi aggiungere il cioccolato fuso e mescolare fino a quando amalgamato.

Versare l'impasto nella teglia preparata. Picchiettare delicatamente più volte la teglia sul bancone per assicurarsi che la pastella si sia completamente depositata negli angoli.
Cuocere circa 1 ora, ma non oltre, verificando la cottura con uno stuzzicadenti.
Lasciare raffreddare la torta nella teglia per 10 minuti, poi giratela su un piatto da portata e spolverate la parte superiore con cacao prima di servire.
Si può guarnire anche con crema al pistacchio.
Lo stampo da "bundt" è della Nordic Ware in edizione speciale per il 75° anniversario dell'azienda.
https://www.nordicware.com/products/75th-anniversary-braided-bundt-set/

30 novembre 2021

TORTA DI MELE ALLA PANNA MONTATA

Vi ritrovate nel frigorifero una confezione di panna fresca che sta per scadere? o addirittura è proprio appena scaduta? Beh, per prima cosa va assaggiata che non abbia alcun sapore di acido, altrimenti l'unica possibilità è il cestino dell'organico.... S invece sarà ancora buona ecco qua una ottima soluzione che, vista la successiva cottura a 180°, mette al sicuro da ogni preoccupazione. La panna, una volta montata, diventerà l'ingrediente segreto di questa ricetta, in cui non si useranno altri grassi: né burro, quindi, né olio, ma risulterà morbidissima e gustosa.
La presenza della panna montata, appunto, aggiungerà aria al composto per dare una torta particolarmente soffice.

Ingredienti (per una tortiera da 22 cm di diametro o a ciambella da 24 cm)
160 g farina 00
45 g fecola di patate (o amido di mais)
2 uova
150 g zucchero
250 g panna fresca da montare
1 bustina lievito in polvere per dolci
1 cucchiaino estratto di vaniglia
1 mela
zucchero di canna
burro e farina per lo stampo

Montare la panna fredda di frigo in una ciotola e metterla da parte.
In un’altra ciotola montare le uova con lo zucchero fino a quando saranno chiare e spumose (devono triplicare di volume), utilizzando le uova a temperatura ambiente.
Setacciare la farina con la fecola e il lievito poi unirli alle uova montate, mescolando con delicatamente dall’alto verso il basso.
A questo punto, con l'aiuto di una spatola, unire la panna montata, incorporando delicatamente per non smontarla.
Imburrare e infarinare lo stampo, versare il composto all’interno, livellarlo e distribuire sulla superficie la mela tagliata a fettine. Spolverizzare la superficie con zucchero di canna.
Cuocere la torta in forno preriscaldato a 180° per 40 minuti circa, ma fare la prova stecchino per verificare la cottura.
Sfornare il dolce e farlo intiepidire prima di sformarlo, perchè è talmente soffice che rischiereste di romperlo.

28 novembre 2021

TORTA FIOCCHI E PUPAZZO DI NEVE

Compleanno d'inverno? Volete un'idea originale?
Ecco qua una bella torta ricoperta di pasta di zucchero con fiocchi di neve ed un bel pupazzo vestito con sciarpa e cappello!
Basterà fare una base tipo Pan di Spagna: la ricetta è  👉qua.
Farcirla a piacere con bagna, crema, frutta, scaglie di cioccolato o quanto più piace.
E coprire con pasta di zucchero: la ricetta è 👉qua.
Per i colori ho scelto com sempre quelli in gel e la copertura in azzurro.
Per i fiocchi di neve ho usato gli stampini a stantuffo della Decora.
La fantasia non deve avere limiti!!


14 novembre 2021

SEMIFREDDO AI MARRONI CON CREMA DI MARRONI

Questa le rivisitazione di una ricetta già presente nel blog ma che ho arricchito con un cuore di crema di marroni.... La base era questa ricetta 👉qua .
Ancora una volta ricorro a castagne già cotte, le "Castagne morbide della Toscana" della Noberasco, meravigliosamente prono uso... Si trovano in confezioni da 150 gr netti, non proprio economiche, ma la comodità, si sa, non ha prezzo...
Ingredienti
450 gr castagne già cotte e pulite
100 ml di latte
150 gr zucchero a velo vanigliato
1 bustina di vaniglina
2 cucchiai rhum
2 uova
500 g panna liquida
un barattolo di crema di marroni di ottima qualità
per la decorazione : frutta candita, marron glaceé sbriciolati o scaglie di cioccolato fondente
Mettere le castagne nel bicchiere del mixer e frullarle grossolanamente con il latte, 30 gr di zucchero a velo, la vaniglina e, volendo, il rhum. E' bene che resti qualche pezzetto di castagna ancora intero.
Sbattere i tuorli con i 120 gr di zucchero a velo. Poi, a parte, montare le chiare a neve.
Montare la panna ben soda. Unire i tuorli alla polpa di castagne, aggiungere la panna montata e da ultimo le chiare, girando delicatamente per non smontare il tutto.
Rivestire con la pellicola uno stampo da plum cake.
Versare metà della crema nello stampo e livellare bene; mettere i freezer un'oretta.
Passato il tempo necessario, con un cucchiaio mettere la crema di marroni, formando una striscia centrale, al di sopra dell'impasto precedentemente versato. Restando al centro, si formerà come un "cuore" centrale.
Versarvi sopra l'impasto rimasto e rimettere in freezer per almeno 3 ore.
Prima di servire, capovolgere il semifreddo su un vassoio da portata e decorare a piacere con fettine di frutta candita, oppure con marron glaceé sbriciolati o ancora con scaglie di cioccolato fondente.
Servire tagliato a fette.

13 novembre 2021

SPÄTZLE ALLA ZUCCA

Questa la ricetta con la zucca ma si può fare anche con gli spinaci (ricetta originale) e con le barbabietole.... Per ora ho sperimentato queste, per il futuro aggiornerò...

Ingredienti per gli Spätzle
300 g zucca (pesata già cotta al vapore, corrispondenti a 
500/600 gr di zucca cruda)
2 uova
320 g farina
1 bicchierino latte
1/2 cucchiaino sale

Preparazione
Eliminare la buccia dalla zucca . Tagliarla a fette, posizionarla su una teglia e metterla a cuocere in forno a 180°per circa 20 minuti o comunque fino a che sarà cotta. In alternativa cuocerla in una vaporiera.
Inserire 300 gr di zucca cotta in un frullatore o mixer e frullare 20 secondi . Aggiungere poi la farina, il sale, le uova e frullare ancora 2 minuti. So dovrà ottenere un composto omogeneo abbastanza denso. Questo dipende dal tipo di zucca utilizzata che può contenere più o meno acqua. Se dovesse risultare troppo liquido o cremoso, aggiungere farina a cucchiaiate e continuare a mescolare. Al contrario se dovesse risultare troppo denso aggiungete un misurino di latte.
In una pentola far bollire abbondante acqua salata.
Appena l’acqua avrà iniziato a bollire, posizionare sopra la pentola la gratella per gli spätzle.
Versarvi sopra l’impasto a mestolate e farlo gocciolare dentro l’acqua. In pochi istanti gli spätzle cuoceranno e riaffioreranno a galla (come gli gnocchi). Con una schiumarola scolarli e versarli man mano dentro una ciotola condendo con burro fuso, o olio, salvia e parmigiano.
Procedere così fino a cottura di tutti gli spätzle e mescolare.
Servire caldi.


Ricetta presa da qua:
https://blog.giallozafferano.it/biscoccoleedintorni/spatzle-alla-zucca-ricetta-con-e-senza-bimby/

1 novembre 2021

GALETTE DI CASTAGNE CON PANCETTA E PATATE

Come sempre partiamo dalle basi. Cosa è un a "galette"? Una galette è un prodotto da forno francese con farcitura sia salata che dolce. In generale, le galette sono arrotondate e piatte e indicativamente si tratta di un impasto croccante, semplicissimo da fare, soprattuto se si usa l'olio al posto del burro. Dicimao che si tratta di una pasta tipo brisèe ripiena di qualsiasi cosa ci venga in mente, ma composta un po' come un pacchetto, piuttosto che come una bella torta precisa.... 
E' ben vero che il termine “galette” è usato in alcune parti della Francia per riferirsi in particolare alle crêpes fatte con grano saraceno: la famosa "galette bretonne", ripiena di formaggio, prosciutto e anche magari di un uovo al tegamino.
Ma la galette di cui parliamo oggi è un'altra roba: sicouramnete poco lavorata, aperta sopra e comunque... troppo grande per essere mangiata da una sola persona ed è progettata per essere tagliata prima di essere servita.
Ma partiamo dall'impasto: farina, olio e acqua. E qui oggi arriva la sorpresa: la farina sarà di castagne e l'acqua sarà sostituita con il vino: forte eh?? La ricetta è presa dal blog "Lo zenzero candito" a cui faccio i miei complimenti per l'originalità della ricetta.
Ingredienti
100 gr farina di castagne
200 gr farina 0
80 gr olio
100 gr vino bianco (oppure acqua)
sale aromatizzato con salvia  e rosmarino (il mio mix per arrosti homemade)
100 gr pancetta dolce a cubetti
50 gr Asiago o formaggio latteria
1 patata media
In una ciotola riunione gli ingredienti per l'impasto: le due farine, l’olio, il vino e il sale. Impastare a mano perchè è talmente facile che non vale la pena sporcare l'impastatrice...
Formare una palla e mettere in frigo giusto il tempo di prepare gli ingredienti per il ripieno.
Sbucciare la patata e tagliarla a fettine finissime con la mandolina, poi tagliare a cubettini il formaggio.
Riprendere l'impasto dal frigo e stenderlo su un foglio di carta forno di uno spessore di circa 2-3 mm con il matterello, dando una forma circolare.  Coprire la pasta con le fettine di patate in un solo strato, lasciando un paio di centimetri liberi sui bordi. Cospergere con la pancetta e il formaggio. Ripiegare l’impasto sui bordi giusto il paio di centimetri lasciati liberi. Il risultato non sarà preciso ma volutamente imperfetto...
Infornare a 180° per 40 minuti, lasciare intiepidire prima di servire.

24 ottobre 2021

PASTA AL RAGU' DI BROCCOLI

Non è uno sbaglio: è proprio un ragù di carne con un'aggiunta di broccoli. Potrebbe anche sembrare un piatto unico perchè il sugo deve essere abbondante ed avvolgere bene la pasta.
Per la pasta sarà bene scegliere una pasta corta e consistenze come la calamarata o le mezze maniche: sconsigliati gli spaghetti.

Ingredienti x 4
360 g pasta
300 g cime di broccoli
100 g macinato di vitello o di maiale
100 g salsiccia
2 spicchi di aglio
1 peperoncino
parmigiano grattugiato
olio evo
sale
pepe

Tagliare il broccolo a cimette eliminando il torsolo e cuocerle in abbondante acqua salata per circa 6-7 minuti: dovranno essere al dente.
Nel frattempo rosolare in una padella l’aglio in camicia e schiacciato con l’olio e il peperoncino, aggiungere la salsiccia sbriciolata e il macinato di carne. Cuocere qualche minuto.
Aggiungere i broccoli e un goccio di acqua di cottura e continuare a cuocere finché i broccoli non iniziano a disfarsi. Nell’acqua dei broccoli cuocere la pasta, quando cotta al dente aggiungerla al sugo, mescolare bene per amalgamante tutti gli ingredienti e aggiusta la consistenza del sugo aggiungendo un poco di acqua di cottura o facendola asciugare se in eccesso. Togliere dal fuoco, aggiungere abbondante parmigiano e mescolare bene, servire con pepe macinato.

Ricetta presa da https://gnambox.com/ricette/ingredienti/verdure/pasta-al-ragu-di-broccoli/

23 ottobre 2021

COBBLER ALLA ZUCCA E FUNGHI

Nuova parolina fresca fresca di conoscenza.. Cosa è il "cobbler"? E' un dolce tradizionale del Regno Unito e degli Stati Uniti simile al crumble a base di pasta frolla sbriciolata e frutta. E che c'entra con zucca e funghi? Semplice: in questa versione si tratta di una frolla salata che alla fine darà un risultato come una crostata rovesciata...
Ingredienti (per una pirofila 30x20)
Per i crumble
200 g farina
100 g mandorle non pelate
60 g fiocchi di avena
2 cucchiaini di lievito istantaneo per preparazioni salate
prezzemolo o timo fresco
sale
pepe
100 g parmigiano grattugiato
200 ml latte
75 g burro morbido
Per la base di verdure
600 g zucca pulita
400 g funghi misti
1 cipolla
2 spicchi di aglio
olio evo
sale
Frullare le mandorle fino ad ottenere una farina.
Mescolare le due farine, i fiocchi di avena, il lievito, il sale, il pepe e il prezzemolo (o il timo fresco) tritato in una ciotola.
In un’altra ciotola sbattere le uova, poi unire con una frusta il burro fuso, il latte e, per ultimo, il formaggio grattugiato.
Unire i due composti mescolando con una forchetta e lasciare riposare.
Riscaldare il forno a 190°C. 
In una padella ampia rosolare l’aglio in camicia e la cipolla a fette sottile, con un filo d'olio, aggiungere la zucca tagliata a cubetti piccoli e i funghi affettati. Mescolare bene, salare e coprire; cuocere finché la zucca inizia a sfarsi.
Versare le verdure in una pirofila, senza averla precedentemente unta.
Con l'aiuto di due cucchiai, formare delle quenelle e coprire tutta la superficie.
Infornare e cuocere finché il biscotto sarà dorato e l’interno asciutto, circa 45 minuti.
Fare raffreddare qualche minuto prima di servire.

21 ottobre 2021

PETTO D'ANATRA AI FICHI CARAMELLATI

Che io abbia un debole per il petto d'anatra è cosa nota, ma questa volta ho davvero trovato un ottimo metodo per cuocere il petto d'anatra.
La farcitura con i fichi caramellati è delizioso, ma questa ricetta si presta comunque a qualunque preparazione che preveda la cottura del petto d'anatra.
Diciamo cioè che questo è il metodo base, cosa ci si mette sopra potrà essere variabile....
Ingredienti
2 petti d'anatra
12-13 fichi freschi (o in alternativa 100 gr di fichi secchi)
60 gr di burro
3 cucchiaino miele
vino bianco secco
due cucchiai di rum
sale aromatizzato con salvia e rosmarino 
(20 grammi di zucchero, solo nel caso si utilizzino i fichi secchi)
olio extravergine di oliva

Sciogliere 30 gr di burro in una padella antiaderente, adagiarvi i petti d’anatra dal lato della pelle e fate rosolare per 7 minuti.
Nel frattempo scaldare il forno a 180°.
Una volta rosolati, adagiare i petti d'anatra in una pirofila, coprire con un foglio di alluminio e infornate in forno già caldo per 25 minuti.
Tenere da parte 2-3 fichi per la decorazione finale.
Intanto fare cuocere in padella i fichi freschi lavati e tagliati a metà con il miele e il burro avanzato. Fate cuocere a fiamma media per 5 minuti, sfumare con il vino bianco, lasciare evaporare l’alcol e proseguire la cottura per altri 5 minuti o finché il sugo sarà come un caramello.
In alternativa, tagliare i fichi secchi in listarelle e saltarli in padella con dieci grammi di burro per alcuni minuti e aggiungere lo zucchero.
Togliere l'anatra dal forno, rimetterla in una padella senza alcun condimento e sfumare con il rum; tagliare i petti a fette alte un dito, adagiarle su di un piatto da portata, aggiustare di sale aromatizzato, aggiungere i fichi con il loro liquido di cottura e servite immediatamente.
Decorare con fichi freschi tagliati a metà.

18 ottobre 2021

ORECCHIETTE CON ZUCCA, SALSICCIA E BROCCOLI

Inizia l'autunno e si accumulano le zucche...
Poi ricevo una mail dalla newsletter del sito https://gnambox.com/ che mi propone tante ricette con zucca: tuffarcisi dentro è stato un attimo!
INGREDIENTI PER 4 PERSONE
400 g orecchiette integrali
3 salsicce toscane
300 g zucca (pesata cruda e pulita)
200 g cime di broccolo
2 spicchi di aglio
parmigiano
mandorle a lamelle
olio evo
sale
pepe

Lavare e sbucciare la zucca e tagliarla a dadini piccoli.
In un tegame scaldare gli spicchi d’aglio in camicia e schiacciati con un filo di olio, aggiungere la salsiccia senza pelle e sbriciolata grossolanamente a pezzettini; rosolare 2-3 minuti a fuoco alto, poi aggiungere la zucca.
Tostare le la lamelle di mandorle in u padellino.
Nel frattempo cuocere in acqua bollente salata le orecchiette con le cime di broccolo.
Scolare al dente direttamente nel tegame con salsiccia e zucca, aggiungi un filo di olio, un poco di parmigiano e salatala così da mescolare bene i condimenti. Servi subito con una spolverata di pepe e le mandorle tostate.




7 ottobre 2021

CACCIUCCO ALLA LIVORNESE

Sua maestà il cacciucco... Eh s', perchè dietro il cacciucco c'è tutto un mondo di tradizione! E con i livornesi non si scherza!
Ecco qua alcuni spunti presi dal sito del "Cacciucco pride"... https://www.cacciuccopridelivorno.it/
Intanto le nozioni base: il "cacciucco" è una sorta di zuppa di pesce, composta da diverse tipologie di pescato. Come dice il sito "...per armonizzare il gusto nessuna tipologia di pescato deve sovrastare le altre, pertanto nessuna può superare in peso netto il 50% del totale e nessuna tipologia obbligatoria può essere inferiore al 10%." L'avrà scritto un ingegnere???
"Non sono ammesse tipologie pregiate che snaturerebbero l’identità del Cacciucco."
Poi c'è il grosso dilemma: con lische o senza? Certo i puristi lo amano "con le spine", mettendo pesci di scoglio come scorfano, gallinella, tracine, ghiozzi, ecc.. Ma io non ce li metto..
Ci vuole del pesce a tranci: palombo o nocciolo, in genere, meglio il palombo perchè non si sfa in cottura.
Poi i molluschi: polpi, seppie, moscardini, totani.
Come conchiglie andranno bene le cozze.
E poi i crostacei: i gamberi o le cicale, che come diceva la mia mamma, non ci si mangia niente ma danno sapore...
Attenzione al pane: ci vorrà del pane, come si dice "posato" ovvero un po' raffermo. meglio se a lievitazione naturale, abbrustolito e agliato.
per il pomodoro io preferisco usare solo il concentrato di pomodoro
E per finire: il vino ci vuole rosso: sia per sfumare i cacciucco in cottura, sia per accompagnarlo in tavola
Ingredienti per 4
2 coste di sedano
1 carota
1 cipolla
2 spicchi d'aglio
2 foglie di salvia
olio extravergine di oliva
1 peperoncino
1 seppia
1 calamaro
4 tranci di palombo
8 gamberoni
cozze
vino rosso
concentrato di pomodoro
sale e pepe
pane raffermo a fette

Per prima cosa pulire bene i pesci eliminando parti non commestibile e viscere.
Fare un bel trito di sedano, carota, cipolla, 1 spicchio d'aglio e salvia.
In un tegame piuttosto grande scaldate metà olio con le verdure tritate; fare dorare e unire il peperoncino sminuzzato.
Aggiungere il pesce, già tagliato in pezzi piccoli, se  necessario, patendo da quelli con cottura più lunga, aggiungendo il resto ogni 5 minuti: si partirà dalle seppie, poi i calamari; fare insaporire il palombo e dopo alcuni minuti versate il vino e il concentrato di pomodoro diluito in poca acqua. Aggiustare di sale e pepe e portare a cottura in circa 30 minuti. 
Da ultimo aggiungere i gamberoni e infine le cozze: quando le cozze si aprono il cacciucco è pronto per essere servito.
Abbrustolire le fette di pane, strofinarle con il restante spicchio d’aglio. Disporre una fetta su ciascun piatto e suddividere il cacciucco. Sistemare per prima una base di polpi (e/o moscardini) e seppie; successivamente mettete sopra i pesci interi, le trance, le cicale e le cozze. In ultimo versate un po’ di brodo, aggiungete un filo d’olio extravergine toscano a crudo e servite caldissimo.
Ricordatevelo: ci si beve il vino rosso!!

4 ottobre 2021

PIANTINE DI MENTA (VASETTI AL CIOCCOlATO FONDENTE E MENTA)

"L'apparenza inganna": questo sarebbe il vero titolo della ricetta.
Ecco qua delle false piantine di menta. O meglio: le piantine sono vere, ma sono piantate in un delizioso budino al cioccolato fondente aromatizzato alla menta, ricoperto con briciole di wafer.... che danno l'effetto del terriccio!
La ricetta è di Martha Stewart, che li definisce "Potted Chocolate-Mint Puddings" ovvero "Budini al cioccolato e menta in vaso": l'effetto è davvero scenografico, e, cosa non da poco, il risultato si ottiene con poca fatica! Una ricetta, insomma, davvero semplice che accontenta grandi e piccini!
Ingredienti per 6 vasetti
90 gr zucchero
40 gr amido di mais
10 gr cacao amaro in polvere
un pizzico di sale
250 ml panna fresca
250 ml latte intero
1 bustina di vanillina
170 gr cioccolato fondente
2 cucchiaini di rosolio di menta ( oppure 1/2 cucchiaino di puro estratto di menta)
25 gr burro
10 wafer al cioccolato
menta fresca in rametti
6 bicchieri trasparenti (io ho usato i bicchieri REKO di Ikea in  vetro trasparente da 17 cl)
In una ciotola adatta al forno a microonde mescolare insieme gli ingredienti secchi: zucchero, amido di mais, cacao e sale. In un'altra ciotola unire la panna, il latte e la vaniglina.
Unire un poco della crema di panna alla miscela di zucchero e mescolare con una frusta fino a quando l'amido di mais non si sarà sciolto. Aggiungere la restante miscela di panna e mescolare fino a che sarà ben amalgamato e il composto risulterà liscio.

Preparazione in microonde
Mettere il recipiente nel microonde a 800W per 4 minuti. Estrarre dal forno e mescolare con una frusta. Mettere ancora nel  microonde per 4 minuti a 650W.
Preparazione sul fornello
Portare a ebollizione, mescolando continuamente, e cuocere finché non si addensa: ci vorranno circa 5 minuti.
A questo punto, estratto dal microonde oppure tolto dal fuoco, aggiungere il cioccolato. Mescolare bene finché il cioccolato non si sarà del tutto sciolto.
Aggiungere l'estratto di menta e il burro e mescolare finché il burro non sarà del tutto amalgamato.
Dividere rapidamente il budino nei 6 bicchieri lasciando circa 2 cm di spazio nella parte superiore. Raffreddare un paio d'ore in frigorifero, in modo che il budino si raffermi bene.
Poco prima di servire, frullare i biscotti in un robot da cucina fino a macinarli finemente. Coprire ogni budino con 1 cucchiaio di "sporco" di biscotto macinato e guarnire con un rametto di menta piantato. Servire freddo.
Per i bicchieri il link è il seguente:
https://www.ikea.com/it/it/p/reko-bicchiere-vetro-trasparente-80094014/
Prezzo: € 1,50 tutta la confezione da 6

23 settembre 2021

MEDAGLIONI DI FILETTO DI MAIALE

Lo so che non ci vuole niente, che mica c'era bisogno di scrivere una ricetta ma... diciamo che per me serve da promemoria quando non ho idee. Perché questa ricetta è talmente veloce che ti risolve una cena, o almeno il secondo, in 10 minuti!
E il trucco c'è: la fettina di pancetta che avvolge il medaglione di filetto non solo dà sapore, ma evita che il filetto si secchi e dà anche un bel sapore. E la cottura sarà velocissima e fatta in padella: si cuociono in 10 minuti e vanno serviti all'istante, per non perdere la morbidezza e sugosità.
Ingredienti
1 filetto di maiale
1 hg di pancetta affettata sottile
vino bianco secco
pepe rosa in grani
foglie di salvia (facoltativo)
olio extravergine d'oliva
sale e pepe
stuzzicadenti

Tagliare il filetto in medaglioni alti circa 2 dita.
Avvolgere il bordo di ogni medaglione facendo aderire bene una foglia di salvia e fasciando con una fetta di pancetta. Fissare il tutto com uno stuzzicadenti.
Scaldare l'olio in una padella, meglio se NON antiaderente.
Adagiare i medaglioni ed insaporire con pepe rosa in  grani e sfumare il tutto con il vino bianco.
Far cuocere a fiamma alta per 3-4 minuti senza mai toccare la carne, girare i medaglioni e procedere allo stesso modo sull’altro lato.
Togliere la carne dal fuoco, insaporire con sale e pepe macinato al momento, aspettare qualche minuto affinché i succhi si stabilizzino, togliere gli stuzzicadenti e servire.
Servire subito (ergo: preparare tutto e cuocere i medaglioni all'ultimo minuto....)

18 settembre 2021

CHEESECAKE COI BISCHERI

Ho trovato questa ricetta nel ricettario della ditta Babbi intitolato "Dolci freschi-2016", visto che i ricettari sono più d'uno. La Babbi è una ditta romagnola nata con la produzione di coni, cialde e semilavorati per maestri gelatieri, ma oggi produce varie creme deliziose al cioccolati, al pistacchio e tante alte golosità. Questa ricetta mi ha colpito perché unisce  in un unico dolce  la pisanissima "Torta coi bischeri" e il must dei dolci americani, il Cheesecake.
Per prima cosa devo fare una precisazione di tipo "turistico culturale". La torta coi bischeri è un dolce semplice, che si vende soprattutto nei panifici ma anche nelle pasticcerie pisane.
Il suo nome, che fa sempre ridere chi non è toscano, non si riferisce ad un ingrediente della torta ma alla sua forma: i bischeri sono infatti le "punte" di pastafrolla che decorano il bordo della torta. Ne consegue quindi che  chiamare questa torta "coi bischeri" è un vero errore, visto che bischeri non ce ne sono.... essendoci solo una base di biscotti e niente frolla!
Poi devo aggiungere invece un aspetto tecnico.
Ho preparato due volte questo dolce provando a capire se lo strato di cioccolato e riso stia meglio sopra o sotto il cheesecake, ma ho concluso che la soluzione con il cioccolato come strato intermedio rende la preparazione assai più facile. Ora vediamo perchè...
Questo il link della ricetta sul sito di Babbi: 👉 https://babbi.com/ricette/torte-e-crostate/cheesecake-cobischeri/ mentre di seguito la mia versione, che ha fatto molto successo, nella quale non ho usato la crema di cacao ma il cioccolato fondente.
Ingredienti (tortiera a cerniera 24 cm di diametro)
per la base di biscotti
250 gr biscotti secchi tipo digestive
80 gr burro
per lo strato di riso e cioccolato
    e qui ho usato la ricetta del ripieno della Torta coi bischeri di Jule's Kitchen 
    👉https://it.julskitchen.com/dolci/pisa-la-torta-coi-bischeri
100 g di riso originario
150 g di cioccolato fondente
50 g di zucchero
2 cucchiai di vinsanto
50 g di uvetta
50 g di pinoli
50 g di cedro candito
1 uovo
semi di 1/2 bacca di vaniglia
1 pizzico di cannella
per la crema di formaggio
350 gr philadelphia
250 gr ricotta di pecora
120 gr zucchero semolato
3 uova
semi di 1/2 bacca di vaniglia

Preparazione della per la base di biscotti
In un mixer frullare finemente pinoli e biscotti e poi mescolarli al burro fuso (e al miele).
Mettete il trito nella tortiera e schiacciare bene con il dorso di un cucchiaio per compattarlo, quindi cuocere in forno preriscaldato a 170° per 12 minuti circa.

Preparazione dello strato di riso e cioccolato
Per il ripieno, lessare il riso mettendolo in abbondante acqua fredda e portandolo a cottura.
Quando il riso sarà pronto, scolarlo e raccoglierlo in una ciotola con il cioccolato tagliato a pezzettini.
Unire poi lo zucchero, il vinsanto, l'uvetta precedentemente ammollata e strizzata, il cedro candito tagliato a cubettini e i pinoli. A questo punto il cioccolato si sarà bene amalgamato, grazie anche al calore del riso e sarà possibile aggiungere l'uovo sbattuto.
Finire con la cannella e i semi di vaniglia.
Versare la crema di riso e cioccolato sopra lo strato di biscotti, livellare bene e mettere in frigo.
In questo modo, mentre si prepara la crema di formaggio, lo strato di riso e cioccolato si compatterà un po'.
Preparazione della crema di formaggio
In una ciotola capiente mescolare la ricotta con il philadelphia, quindi unire lo zucchero, i semi di vaniglia e le uova.
Versare sopra lo strato di cioccolata e livellare bene.
A questo punto mettere a cuocere in forno caldo a 180° per 50 minuti.
Una volta cotto, mettere a raffreddare prima all'aperto e poi in frigo per non meno di tre ore, anche se, per un risultato ottimale, sarebbe l'ideale lasciarla in frigo per una notte intera.
Prima di servire, decorare con pinoli e riccioli di cioccolato fondente.


VERSIONE AL CONTRARIO: CON LA CREMA DI CIOCCOLATO E RISO SOPRA
Questa è la versione che propone i sito della Babbi: base di biscotto, un primo strato di cheesecake e uno superiore di crema di cioccolato e riso.
La difficoltà sta nella differenza di consistenza e pesantezza delle sue creme: la crema cheesecake è più morbida e meno compatta, per cui, perché sostenga il peso della crema superiore più pesante, occorre prima cuocerla, farla raffreddare bene e poi versarvi sopra la crema di cioccolato, che andrà poi cotta nuovamente. I tempi  quindi si allungano e in ogni caso non mi pare che ci sia differenza nel risultato finale in termini di gusto.
Per la preparazione quindi si procederà come segue.
Preparazione della per la base di biscotti
In un mixer frullare finemente pinoli e biscotti e poi mescolarli al burro fuso (e al miele).
Mettete il trito nella tortiera e schiacciare bene con il dorso di un cucchiaio per compattarlo, quindi cuocere in forno preriscaldato a 170° per 12 minuti circa.

Preparazione della crema di formaggio
In una ciotola capiente mescolare la ricotta con il Philadelphia, quindi unire lo zucchero, i semi di vaniglia e le uova.
Versare sopra lo strato di cioccolata e livellare bene.
A questo punto mettere a cuocere in forno caldo a 180° per 60 minuti.
Una volta cotto, mettere a raffreddare prima finché il dolce non sia completamente freddo.
Attenzione: è importante non avere fretta, altrimenti lo strato superiore affonderà in quello sottostante annullando irrimediabilmente l'effetto a strati del dolce.

Preparazione dello strato di riso e cioccolato
Per il ripieno, lessare il riso mettendolo in abbondante acqua fredda e portandolo a cottura.
Quando il riso sarà pronto, scolarlo e raccoglierlo in una ciotola con il cioccolato tagliato a pezzettini.
Unire poi lo zucchero, il vinsanto, l'uvetta precedentemente ammollata e strizzata, il cedro candito tagliato a cubettini e i pinoli. A questo punto il cioccolato si sarà bene amalgamato, grazie anche al calore del riso e sarà possibile aggiungere l'uovo sbattuto.
Finire con la cannella e i semi di vaniglia.
Versare la crema di riso e cioccolato sopra lo strato di cheesecake ormai consolidato, livellare bene e mettere in forno caldo a 180° per 50 minuti.
Una volta cotto, mettere a raffreddare prima all'aperto e poi in frigo per non meno di tre ore, anche se, per un risultato ottimale, sarebbe l'ideale lasciarla in frigo per una notte intera.
Prima di servire, decorare con pinoli.

6 settembre 2021

BABA' IN VASOCOTTURA (IN FORNO)

Di questi tempi la "vasocottura" è un must, soprattutto da quando è stato pubblicato il libro di Rosella Errante "Vasocottura facile", in cui si parla di una particolare tecnica che è appunto la "vasocottura in forno a microonde". Ma la cottura in vaso può naturalmente essere fatta in forno, seppure in adeguati contenitori in vetro che siano adatti alle alte temperature. Ecco quindi come si preparano i "babà in vasocottura al forno" che troviamo anche già pronti in certe pasticcerie ma anche nei supermercati.
Per quanto riguarda i contenitori io uso i WECK, che tra l'altro trovo bellissimi e che dopo aver mangiato il babà sono invece perfetti anche per la tecnica della vasocottura al microonde. Ne esistono di varie dimensioni: nel caso del babà dovremo tenere conto dell'aumento di volume in lievitazione, per cui io ho usato quelli della serie DROIT da 370 ml e da 580 ml, ma i migliori sono quelli da 580 ml.
Attenzione: questa ricetta, che ho sperimentato personalmente, è presa dal blog "Torta o ragione" ed il link è il seguente: http://www.tortaoragione.it/baba-in-vasocottura/

Ingredienti
per la bagna
350 g acqua
350 g zucchero
140 g rum invecchiato o altro alcolico 70%
scorza di limone
scorza di arancia
stecca di cannella
per i babà
330 g farina di forza 350W
390 g uova
140 g burro morbido
14 g lievito di birra
40 g miele acacia
6 g sale
scorza di limone grattugiata

Preparazione della bagna (il giorno prima)
Per  prima cosa si prepara la bagna, perchè sarebbe opportuno farla il giorno prima, per farla maturare almeno 24 ore.
Mettere acqua e zucchero in un pentolino a fuoco medio. Aggiungere le scorze di limone e arancia, e la cannella.
Girare con una spatola finché lo zucchero non si sarà sciolto.
Togliere dal fuoco e lasciare intiepidire per circa 15 minuti.
Filtrare con un colino e aggiungere il rum (o il liquore scelto). Mescolare e mettere in frigo.

Preparazione dell'impasto
Nella planetaria munita di gancio mettere la farina, il miele, il lievito sbriciolato, la scorza di limone, il sale, metà del burro a cubetti e 160 g di uova.
Impastare a velocità bassa finché non si  sarà formatala la massa. Aumentare leggermente la velocità e lavorare l'impasto qualche altro minuto. Sostituire il gancio con la foglia e aggiungere il burro rimanente poco alla volta, aspettando che la mandata precedente venga assorbita. Lavorare fino ad aver inglobato tutto il burro.
Sbattere la quantità rimanente di uova (230g), e unirle poco per volta all'impasto. Come per il burro, aspettare che la mandata precedente venga assorbita prima di aggiungere altre uova. Aumentare la velocità a media.
L'impasto deve risultare morbido ma molto elastico, e si dovrebbe staccare facilmente dalla foglia.
Versare l'impasto sul piano di lavoro e lasciare riposare qualche minuto.
Per riempire i vasetti si può procedere a mano o con l'aiuto di una sac-a-poche. Se si fa a mano bagnarsi leggermente le mani con acqua oppure con olio d'oliva.
Per i vasetti WECK medi (580ml) mettere circa 90g d'impasto.
Per i vasetti WECK piccoli (370ml) mettere circa 40g d'impasto.
Coprire con i tappi in vetro e lasciare lievitare per circa 7 ore.
Prima cottura
Cuocere (senza tappo) a 180° nel forno statico (170° ventilato) circa 35-38 minuti per i vasetti medi. Vasetti piccoli circa 32-35 minuti.
I babà dovranno risultare di un dorato abbastanza scuro.
Lasciare raffreddare completamente i vasetti.
Con uno spiedino di legno lungo praticare dei fori nei babà.
Portare metà della bagna alla temperatura di 80°-85° C e bagnare i babà (deve essere poco sotto il punto di ebollizione). Lasciare riposare 10 minuti.
Nel frattempo accendere il forno a 130°.
Seconda cottura
Scaldare la bagna rimanente a 80°-85° C e bagnare ancora i babà. Chiudere ermeticamente con gli appositi coperchi, guarnizioni e clip.
Cuocere in forno a 130° per 20 minuti.
Lasciare freddare completamente.
La chiusura ermetica garantisce almeno un anno di scadenza.
Note
Non so se questo fa differenza ma una volta freddi li ho messi a testa in giù così che venisse inzuppata bene anche la parte superiore.

Crea PDF